Merry Xmas

Merry Xmas

Merry Xmas

dal direttore

Cari studenti, cari genitori e cari docenti, ritengo che mai come in questo periodo il significato del Natale debba spingerci a rinunciare a qualcosa a favore del prossimo. Ecco perché la strenna natalizia dei genitori della Sipschool è quanto mai gradita perché aiuterà qualcuno a vivere meglio il Natale. Desidero ringraziarvi personalmente anche a nome dei docenti e di tutto il personale e trasmettervi gli auguri di Buone Feste a Voi e ai vostri cari condividendo un pensiero recente del filosofo Umberto Galimberti “L’insegnante deve insegnare. Per farlo serve una capacità empatica e comunicativa, la fascinazione. Se non apri il cuore, non apri nemmeno la testa delle persone. Gli insegnanti dovrebbero essere sottoposti a un test di personalità̀ che valuti queste cose. Se uno non sa affascinare è meglio che cambi lavoro [...] Educare vuol dire condurre qualcuno all’evoluzione, dall’impulso all’emozione, dall’emozione al sentimento. Un ragazzo che ha sentimento non brucia un migrante che dorme su una panchina, non picchia un disabile. Se queste cose accadono è perché́ la scuola non ha educato. Per educare bisogna avere a che fare con la soggettività̀ degli studenti, che oggi è messa fuori gioco. Se è vero che al posto dei temi si fa la comprensione del testo scritto, si è spostata la valutazione dalla soggettività̀ alla prestazione. A questo punto è chiaro che anche la scuola è serva del modello tecnico. I ragazzi non contano più̀ come soggetti ma solo nelle loro prestazioni [...] È più̀ facile correggere una comprensione del testo scritta che un tema. La realtà̀ è che siamo passati da una scuola umanistica a un’educazione anglosassone, perdendo un’infinità di valori della prima. La scuola anglosassone è empirismo, pragmatismo, valutazione oggettiva [...] Se uno non sa affascinare, comunicare, non può̀ fare il maestro, il professore. Lo dice Platone: si impara per imitazione. Io aggiungerei anche per plagio. Preferisco un docente che plagia i ragazzi che uno che li demotiva. Direi loro che il ruolo va abolito. Se uno non funziona lo sanno tutti ma non si può̀ far nulla, perché́ è di ruolo. Che cos’è questa parola? Nessuno è di ruolo nella vita. Se un docente non è all’altezza va messo fuori gioco. Perché́ se si licenziano operai là dove si producono oggetti non lo si fa dove si formano le persone?” Credo che i docenti della Sipschool abbiamo dimostrato in quest’anno incredibile di aver saputo fascinare anche a distanza i loro studenti, consapevoli delle difficoltà che hanno attraversato insieme. A loro va il mio sentito ringraziamento e augurio di Buone Feste. Aris Ippolito Direttore

Indietro